Skip to content

Regali consapevoli

18 novembre 2009

Da anni ormai ho deciso di non ricevere più i regali di Natale. Il consumismo, la corsa sfrenata allo shopping, i telegiornali zeppi di notizie sull’emergenza regali, creano in me un’ansia e un senso di vuoto che mi fa desiderare di fuggire in un paese buddista e rientrare solo a feste terminate. Che si sia cristiani oppure no, il vero senso del Natale sta completamente scomparendo. Gesù naque povero. I ricchi del mondo, i Re Magi, gli fecero visita portandogli regali. E’ questo il rituale che dovrebbe essere ripetuto ogni anno affinchè si riviva il significato del Natale. Invece ogni Natale i ricchi regalano ai ricchi e i poveri sono sempre più poveri.

La mia famiglia e alcuni miei amici hanno condiviso questa mia scelta e sempre più spesso mi chiedono consigli per fare regali consapevoli, perchè spesso non si riesce a rinunciare del tutto a fare regali. Da qualche anno ho in mente di farne un blog, finalmente oggi ci riesco.

Annunci
6 commenti leave one →
  1. 18 novembre 2009 13:19

    Iniziativa lodevole e interessante, subito nel feed reader 😉

  2. 18 novembre 2009 15:08

    Grazie Stefano, da domani si comincia, ho già un po’ di post in canna 🙂

  3. Clay permalink
    19 novembre 2009 11:44

    Ciao!
    Segnalo come idea regalo consapevole:
    Acquistare il libro “Daniele – Storia di un bambino che spera” di Cinzia Lacalamita
    Nel mio fb ho spiegato perchè è importante contribuire
    http://www.facebook.com/notes/claudia-la-rocca/la-storia-di-daniele-uno-di-noi/202409339133

    Inoltre volevo chiedervi, potete segnalarmi altre idee regalo solidali? 🙂

  4. 19 novembre 2009 13:06

    Grazie Clay per la segnalazione.
    Il blog è appena nato, ha solo un giorno di vita. La mia idea è quella di pubblicare ogni giorno un consiglio. Quindi se vuoi, continua a seguirmi. Ciao
    Emanuela

  5. patrizia permalink
    22 novembre 2009 07:32

    ciao, io da qualche anno acquisto doni attraverso i siti di pangea , che si occupa di donne che subiscono maltrattamenti o che vivono in zone disagiate , di ciai e save the children. ricevo a casa le cartoline che descrivono in modo simpatico il dono e le personalizzo .
    non acquisto nulla di tangibile, ma le persone che ricevono il mio dono ricevono una gallina – ovviamente simbolica- , una zanzariera, un kit per la scuola etc.
    preferisco questa formula ad altre nelle quali si acquista un dono tngibile, ma verso il quale converge parte dei costi che potrebbero andare a coloro che ne hanno concreto bisogno. altri doni li acquisto al commercio equo e solidale. ciao.

  6. 22 novembre 2009 09:17

    Assolutamente d’accordo Patrizia, io la penso come te, infatti segnalerò moltissime di queste iniziative, ma tante persone sono ancora legate al regalo da vedere e toccare e allora se un regalo deve essere, che sia almeno solidale. E’ un primo passo, poi con il tempo si riesce a digerire anche l’idea di regalare un bollettino postale con una donazione. Grazie per la tua segnalazione.
    Emanuela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...